cronache martinesi

Direttore Pietro Andrea Annicelli

Nota Bene: la musica divertendosi

di Redazione

06/10/2018 Redazionali

Valutazione attuale:  / 4
Scarso Ottimo 
Vota
Nota Bene: la musica divertendosi

 

La musica come espressione ludica per imparare divertendosi, ma sempre con la dovuta attenzione alle basi dell'apprendimento teorico: (ri)educando all'ascolto a partire dal grande repertorio classico. È la mission dell'Accademia Nota Bene: una realtà, quella diretta dal maestro Franco Speciale, divenuta ormai un punto di riferimento nel panorama dell'insegnamento musicale per tutte le età. 

Numerosi i corsi attivati anche per questo nuovo anno accademico. Oltre a Il gioco e la musica, dedicato ai più piccoli, è possibile iscriversi a corsi di musica d'insieme: canto, pianoforte, chitarra (classica, acustica ed elettrica), violino, basso, sax e techno.

Negli ultimi anni, Nota Bene sta valorizzando l'approccio al mondo della musica da parte dei più piccoli. Ciò attraverso un metodo originale e divertente, ma ugualmente rigoroso, nel pieno rispetto dei dettami e dei fondamenti dell'insegnamento musicale.

«Sono vari i metodi, sia in Italia che nel mondo, per insegnare la musica ai bambini» spiega Barbara De Paolis, maestro di pianoforte presso Nota Bene. «Dall'Orff, il più classico, che introduce i piccoli alla musica attraverso l'utilizzo degli strumenti base, al Kodàly, che si è diffuso anche tra i docenti nelle scuole primarie. Il nostro lavoro favorisce un approccio ludico alla musica. I più piccoli, dai quattro ai sei anni, possono così imparare divertendosi. Le note vengono infatti associate a colori e immagini che s'immagazzinano nella memoria rendendo più facile un successivo approccio alla lettura musicale e alla scelta dello strumento. I bambini acquisiscono così tutte le necessarie nozioni musicali associando questa attività all'ascolto».

«I bambini sono abituati oggi ad ascoltare musica da grandi: quella dei fratelli, delle sorelle e dei genitori» precisa il noto chitarrista Franco Speciale che è anche il direttore di Nota Bene. «È invece fondamentale che chi intraprende, anche se in tenera età, lo studio della musica, possa educare l'orecchio e la mente all'ascolto dei classici a partire proprio dal repertorio dei compositori più importanti: Beethoven, Mozart, Rossini, Bach. Qui a Nota Bene tutto è possibile».

 

Per informazioni: Accademia Nota Bene, in via Armando Diaz 9 a Martina Franca, dalle ore 10.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 20.00. Telefono 328 931 4055.

Web: www.scuolanotabene.it. Facebook: @scuolamusicanotabene

 

Lascia un commento

Verify Code