cronache martinesi

Direttore Pietro Andrea Annicelli

Centro comunale di raccolta rifiuti in zona Ortolini

di Redazione

31/10/2017 Sociale

Valutazione attuale:  / 3
Scarso Ottimo 
Vota
Centro comunale di raccolta rifiuti in zona Ortolini

 

«Questo centro comunale di raccolta dei rifiuti non è mai stato utilizzato dalla sua costruzione ed è abbandonato a se stesso da oltre dieci anni. Grazie a un finanziamento comunitario di duecentocinquantamila euro è stato possibile ammodernarlo insieme a quello della zona industriale, già attivo da diversi mesi». Lo spiega il vice sindaco e assessore all’Ambiente, Stefano Coletta, annunciando l’apertura del centro nella zona Ortolini.

Nel centro di raccolta dei rifiuti a Ortolini si potranno portare carta e imballaggi in cartone, imballaggi in plastica, imballaggi in metallo, vetro, indumenti usati, legno, sfalci di potature e ramaglie, oli e grassi vegetali e minerali, frazione organica, pile e accumulatori, farmaci, contenitori di prodotti tossici e infiammabili, lampade e tubi catodici, cartucce stampate e toner, rifiuti elettrici ed elettronici, ingombranti e beni durevoli, piccole quantità di materiali inerti. «Nel centro abbiamo previsto anche uno stallo dedicato esclusivamente alla raccolta di rifiuti inerti. Si potranno conferire, entro una soglia massima annuale, i rifiuti derivanti da piccole lavorazioni domestiche evitando cosi che gli stessi possano essere sversati nell’agro ed evitando anche ingenti spese per le bonifiche, come quelle in corso in diversi siti inquinati» evidenzia Coletta.

Il Centro comunale di raccolta rifiuti in contrada Ortolini è aperto il lunedì, mercoledì, giovedì, venerdì e sabato dalle ore 13.00 alle ore 19.00, il martedì dalle ore 13.00 alle ore 16.00 e la domenica dalle ore 9.00 alle ore 12.00. Quello nella zona industriale, invece, dal lunedì al sabato dalle ore 9.00 alle ore 13.00 e dalle ore 15.00 alle ore 18.00. «Abbiamo cercato di non far combaciare gli orari di apertura al pubblico dei due centri comunali di raccolta in modo da avere un maggiore spazio di tempo per il conferimento e andare quindi incontro alle esigenze di un numero maggiore di cittadini» precisa l’assessore. «Tale apertura si innesta nel delicato processo di rivoluzione gentile chiamata raccolta differenziata spinta. Con questi due centri comunali di raccolta e le dodici isole ecologiche informatizzate che la Monteco dovrà necessariamente realizzare nei prossimi giorni, metteremo a disposizione dei cittadini della campagna, che già sono dotati di compostiera, un modello di raccolta innovativo e tecnologico con l’utilizzo di badge di riconoscimento e pesa elettronica dei rifiuti».

Nonostante qualche incertezza e qualche protesta, la raccolta indifferenziata va avanti. «La maggior parte dei cittadini ha ben ha inteso lo spirito della raccolta. I primi dati, inequivocabili, vedono già il raddoppio della produzione di differenziata nella zona urbana. Ci sono ancora alcuni disagi, ma, con il dialogo e la ricerca condivisa della soluzione, nei prossimi mesi saranno eliminati».   

Lascia un commento

Verify Code