cronache martinesi

Direttore Pietro Andrea Annicelli

Nico Dramissino: «Un concerto per la scuola e il futuro»

di Redazione

18/06/2018 Spettacoli

Valutazione attuale:  / 4
Scarso Ottimo 
Vota
Nico Dramissino: «Un concerto per la scuola e il futuro»

 

Questa sera le associazioni Playing and Singing e Cantierinpiedi, con il patrocinio del Comune, organizzano il Pro Marconi Music Fest. Si tratta di un’iniziativa di solidarietà ideata da Nico Dramissino, tastierista, e Tiziana Ancona, insegnante e appassionata di musica, per raccogliere fondi in favore della scuola Marconi dopo il furto, il mese scorso, di una quarantina di computer portatili necessari alle attività dei piccoli studenti. Ne abbiamo parlato con Nico Dramissino. 

Sembra che ci sia stata una donazione, al momento anonima, per ripristinare la dotazione dei computer. Resta la vostra iniziativa di questa sera.

«La donazione ha riguardato il sistema d’allarme e un certo numero di pc: non so se tutti. In ogni caso i soldi per una scuola non bastano mai e raccogliere dei fondi per le attività scolastiche è sempre utile. Il nostro resta un concerto di beneficenza che deve dimostrare che il furto non ha intaccato più di tanto le possibilità per la didattica. E, soprattutto, non c’impedisce di andare avanti nel cercare di dare un futuro ai nostri figli». 

Che cosa prevede l’evento?

«Io e Tiziana Ancona, la direttrice esecutiva di questo progetto, abbiamo pensato di coinvolgere il gruppo nel quale suono e che ha partecipato alle registrazioni del primo disco del cantautore Domenico Rinaldi, che sarà pubblicato nelle prossime settimane. Insieme a Rinaldi eseguiremo un omaggio a Lucio Dalla e una serie di canzoni di cantautori italiani, oltre a quelle del disco. Naturalmente la nostra partecipazione è a titolo gratuito. Oltre a Rinaldi e a noi, ci sarà il Coro della Scuola Marconi». 

Da chi è formato il gruppo?

«Si tratta di musicisti che sono tutti professionisti. Oltre a me alle tastiere e alla programmazione c’è Domenico Ditano, chitarra acustica e voce, che è un po’ il leader. Poi Pierpaolo Giandomenico al basso, Felice Di Turi alla batteria, Gianni Laterza alla chitarra». 

Che accoglienza ti aspetti?

«I biglietti sono quasi tutti esauriti, per cui la gente ha risposto abbastanza bene. Una grossa mano ce l’ha data il Comune con il patrocinio e la possibilità di usufruire del palco di proprietà comunale». 

È stato detto che è un concerto di contrasto alla mentalità criminale e mafiosa.

«L’ha detto Il conduttore e regista. Il concetto è che questa cosa brutta contro la scuola che è stato il furto non deve impedire che si possa vivere una serata spensierata che rappresenti il punto di partenza non per indugiare su quello che è successo, ma per pensare a quello che sarà. Io e Tiziana Ancona, che insegna al Marconi e con la quale lavoro a dei progetti musicali, abbiamo pensato che la musica sia un ottimo mezzo di comunicazione per poter andare avanti senza paura. In questo senso, il concerto può essere una specie di antidoto contro le mafie e la criminalità» 

C’è da attendersi qualche sorpresa?

«Sarà reso pubblico il nome del donatore. Non so se sarà in sala o meno. Il nome, però, sarà comunicato».

Nella foto, Nico Dramissino, per gentile concessione dello stesso Dramissino.

Lascia un commento

Verify Code