cronache martinesi

Direttore Pietro Andrea Annicelli

Hitchcock per prepararsi al Festival

di Redazione

25/06/2018 Spettacoli

Valutazione attuale:  / 3
Scarso Ottimo 
Vota
Hitchcock per prepararsi al Festival

 

Quarto appuntamento della rassegna La fabbrica dello spettatore, promossa dalla Fondazione Paolo Grassi con l'intento di avvicinare il pubblico al Festival della Valle d’Itria. La 44ª edizione della manifestazione si svolgerà dal 13 luglio al 4 agosto. 

Martedì 26 giugno alle 19.00, nell'auditorium della Fondazione e nell'ambito del ciclo Le opere del 44° Festival nel linguaggio cinematografico a cura di Angela Maria Centrone, è in programma la proiezione di Vertigo - La donna che visse due volte, capolavoro di Alfred Hitchcock del 1958 scelto in relazione all'opera Rinaldo, che sarà proposta il 29 luglio nonché il 2 e il 4 agosto in prima esecuzione nei tempi moderni nella versione di Napoli del 1718. 
Scottie è un detective afflitto da una paralizzante paura del vuoto dopo l’inseguimento d’un ladro. In pausa per un periodo, è ingaggiato da un vecchio amico per seguire la moglie, Madeline, di cui Scottie finirà inevitabilmente per innamorarsi innescando un moto armonico di accadimenti inaspettati. Un capovoloro della suspence in cui niente è come sembra. 

L'incontro rientra tra gli appuntamenti la cui frequenza darà diritto ad un biglietto omaggio per il Festival della Valle d'Itria. L’ingresso è libero fino a esaurimento posti. 

Lascia un commento

Verify Code

Cara lettrice, caro lettore,

Cronache Martinesi fa un giornalismo di provincia ma non provinciale secondo l'idea plurale, propria di internet, che ogni punto è un centro. Fare del buon giornalismo significa fornire a te che ci leggi delle informazioni sui fatti e sul loro approfondimento. Richiede professionalità, fatica e ha un costo. Cronache Martinesi vuole continuare a proporre un'informazione libera e indipendente. Se ti piace quello che leggi, puoi liberamente contribuire con una somma, anche minima, tramite Paypal. Ci aiuterà a fare sempre meglio il nostro lavoro. Grazie.

Pietro Andrea Annicelli