cronache martinesi

Direttore Pietro Andrea Annicelli

morto Antonio Caroli

di Redazione

12/11/2020 Società

Valutazione attuale:  / 10
Scarso Ottimo 
Vota
 morto Antonio Caroli

 

Antonio Caroli non c’è più. Se n’è andato ieri sera a ottantasei anni insieme alla ricorrenza di San Martino. Da qualche tempo era ricoverato nell’ospedale cittadino.

Avvocato, a lungo assessore e vicesindaco nelle Amministrazioni Punzi tra gli anni Settanta e Ottanta, Caroli fu per oltre un decennio tra i principali esponenti della locale Democrazia Cristiana. Con lui scompare un protagonista della politica e della vita pubblica di Martina, ma anche un uomo riconosciuto per il carattere, la simpatia, l’umorismo delle sue battute.

Fratello del sottosegretario e deputato Giuseppe Caroli, don Antonio, come era anche scherzosamente chiamato, fu tra gli artefici del rinnovamento che nel 1974 portò alla fine della lunga fase delle sindacature di Alfonso e Alberico Motolese. A lui è attribuita la proposta, fatta propria dalla Democrazia Cristiana che dal dopoguerra al 1987 detenne la maggioranza assoluta nel Consiglio comunale martinese, di eleggere sindaco Franco Punzi. Tra i suoi numerosi fratelli anche Alessandro, ideatore del Festival della Valle d’Itria.

Il funerale è fissato, in ottemperanza alla normativa sul distanziamento prevista dal Dpcm dello scorso 10 ottobre, per domattina alle ore 9.00 nella Chiesa della Santa Famiglia.

 

Pietro Andrea Annicelli e gli amici di Cronache Martinesi partecipano al dolore della Famiglia Caroli e dei parenti tutti.

Lascia un commento

Verify Code

Cara lettrice, caro lettore,

Cronache Martinesi fa un giornalismo di provincia ma non provinciale secondo l'idea plurale, propria di internet, che ogni punto è un centro. Fare del buon giornalismo significa fornire a te che ci leggi delle informazioni sui fatti e sul loro approfondimento. Richiede professionalità, fatica e ha un costo. Cronache Martinesi vuole continuare a proporre un'informazione libera e indipendente. Se ti piace quello che leggi, puoi liberamente contribuire con una somma, anche minima, tramite PayPal. Ci aiuterà a fare sempre meglio il nostro lavoro. Grazie.

Pietro Andrea Annicelli